Bambini

Come combatte e previene la pedofilia il governo italiano?

zhora.it

Ad oggi, purtroppo, la pedofilia è un fenomeno che tocca da vicino l'Italia con oltre 500 casi denunciati solo nel 2015. Quello che allarma di più è che i fenomeni non tendono a diminuire, i dati infatti mostrano che al 2008 i casi denunciati sono in continua crescita: All news about Pedofilia | Euronews

Le vittime individuate sono nella maggior parte di casi femmine e di età compresa tra gli 0 ed i 3 anni, inoltre, non è raro che le vittime siano imparentate con i molestatori.

Il fenomeno non è circoscritto, ma ha dei “punti di fuoco”, geograficamente, un'area d'interesse è la Campania con una stima pericolosamente alta di casi di pedofilia, così come la Sicilia che detiene il record per il maggior numero di denunce per questo crimine.

Oltre alle aree geografiche, è stato evidenziato, senza sorpresa, che gli uomini di chiesa sono molto vicini a questo mondo. Sebbene i casi non accennino a scendere, l'Italia, soprattutto negli ultimi tempi, ha aumentato le misure di sicurezza per tutelare i bambini.

  • Andiamo dunque ad analizzare, come il governo tenta di diminuire i casi di pedofilia:

Quella che è la pedofilia in rete, è forse il fenomeno più diffuso, sebbene per fortuna il “meno pericoloso”. Si tratta di condivisione, vendita o scambio di video o foto che ritraggono dei minori in pose pornografiche; questi “commerci” avvengono tramite degli appositi siti o servizi web, attentamente monitorati giorno dopo giorno dalla polizia postale. I suddetti siti vengono prontamente chiusi a migliaia ogni anno grazie alle forze dell'ordine.

Inoltre la rete ha aiutato a monitorare la condivisione dei contenuti degli individui sospettati, così come, grazie ai social network a segnalarli e quindi condannarli.

Altre misure prese dal governo sono delle vere e proprie esche: sempre grazie alla rete, vengono create delle figure vulnerabili ai crimini legati alla pedofilia.

  • Queste esche sono utili ad individuare una grande fetta dei molestatori in rete.

Non mancano ovviamente dei blitz per verificare i sospetti, un'operazione recente ha permesso di individuare oltre 20 individui pericolosi, concludendosi con 5 arresti e 16 denunce per detenzione e condivisione di grandi quantità di materiale pedo-pornografico.

Purtroppo, data la natura della pedofilia, non è facile prevenirla o “curare” chi prova determinate attrazioni sessuali, tuttavia vengono organizzate moltissime campagne di sensibilizzazione, così come eventi sparsi in tutta Italia per invitare a segnalare e denunciare i sospetti. Ovviamente nei casi possibili, in primo luogo bisognerebbe formare i bambini a diffidare dagli sconosciuti e a contattare adulti fidati o organi competenti in caso di molestie.